Agenzia Asl d.o.o. TA Turist utilizza Cookie e Tracking Pixel su questo sito Web, al fine di personalizzare il contenuto e analizzare il traffico e il comportamento dell'utente. Possiamo trasferire i dati raccolti ai nostri social media, pubblicità e / o partner analitici per ulteriori analisi. Utilizziamo i cookie a fini statistici e per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando a utilizzare il nostro sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Per ulteriori informazioni su cookie e pixel di tracciamento e su come disabilitarli, consultare la nostra politica sulla privacy.

Casa La Dolce Vita

La Dolce Vita

Panorama dell’Isola a 360°

Per facilitare la Vostra visione panoramica, selezionate la modalità a schermo intero e scoprire maggiori dettagli dell’isola di Lussino grazie al nostro panorama a 360°.

La Dolce Vita **** appartamenti

Per una piacevole vacanza per le coppie!

Montevideo - sea view apartment Olive

Godetevi l'atmosfera confortevole del nostro appartamento!

Maggio - il mese della salvia, del finocchio e dell’ortica

Sull'isola di Lussino troverai la soluzione ideale per un soggiorno attivo, vivendo momenti costantemente circondati da una natura e da un mare puri e rigogliosi.

Ambroz Haračić

 

Personaggio di importanza straordinaria nella storia di Lussino, personalità meritevole per la ricchezza dei boschi. Sotto il suo nome si nasconde un programma turistico che Vi insegnerà come realizzare un erbario e Vi darà la possibilità di assaggiare i prodotti profumati dell’isola. Prendete parte ad un corso di cucina per realizzare dolci alle erbe spontanee ed al cioccolato, e se decidete di andare sull’isola di Cherso imparerete come fare gli oli eterici.

Info: www. island-losinj.com

 


LA SALVIA ( LAT. Salvia officinalis L.)
La salvia e e è un mezzo arbusto aromatico perenne mediterraneo il quale cresce fino a 30 o 40 cm. Le foglie sono ovali e strette, di colore grigio- verde, vellutate e pelose da tutte e due le parti e lunghe fino a 8 cm. I fiori a due bocche sulle cime dei fusti che formano delle spighe.Fiorisce da Maggio a giugno con fiori di colore viola scuro. Cresce spontaneo sui terreni asciutti e rocciosi del litorale. Ama I posti solleggati, e sensibile al vento e al freddo. D’ inverno si gela fino alle radici, dalle quali poi in primavera nascono e crescono arbusti pieni di foglie.


IMPORTANTE DA SAPERE
Il tujone come ingredient principale dell’ olio essenziale della salvia, il quale le dona il forte carrateristico odore, ha un azione antisettica, ma in dosi elevate puó essere nocivo per il sistema nervoso centrale.
L’ arbusto aromatico si puó coltivare in vaso, al caldo e riparato dal vento. É sensibile all'umidità in eccesso e al gelo.
La pianta contiene la maggior parte di olio essenziale nel periodo immediatamente prima della fioritura quando si raccolgono le parte superiori delle piante.
L' essicatura viene effettuata per diversi giorni in un luogo asciutto, buio e ventilato. Le foglie secche ed i fiori devono essere conservati in contenitori chiusi in un luogo buio.

INTERESSANTE
L’ antico adagio romano dice: “ Se minaccia di morte, prendi la salvia in giardino”. Carlo Magno aprezzava talmente questa pianta per le sue proprietà curative che ha ordinó di piantare la salvia in tutto il regno. Nel medioevo godeva di una grande reputazione, perché era considerato un mezzo per prolungare la vita e l'espulsione dei demoni.


L’ORTICA ( lat. Urtica dionica L.)
L’ ortica è una delle erbe più note e diffuse. È una pianta perenne che può raggiungere i 1,5 metri. E una pianta che rampicante che si ramifica, con un fusto eretto peloso a quattro bordi. Le foglie sono opposte, verdi, a forma di cuore, dentellate sul bordo e coperte di piccoli peli. L’ ortica crea bruciore a causa di questi peli , che a contatto con la pelle rilasciano l’ istamina e l’ acido formico che brucia.
Ama il terreno umido e nutriente. Fiorisce da maggio a settembre con piccoli fiori verdi che sono ai margini e crescono sotto le foglie.

IMPORTANTE DA SAPERE
E 'estremamente importante raccogliere l'ortica quanto più lontano dalle strade perché è particolarmente con facilitá attira il piombo e altri elementi nocivi dall'ambiente.
Durante la fioritura la pianta viene raccolta ed essiccata in luogo ben ventilato e caldo in ombra in uno strato sottile o appesa.
Se si asciuga sulla carta dovrebbe essere girato due o tre volte al giorno. La radice viene estratta in primavera o in autunno. E 'meglio scegliere le foglie giovani dalla cima delle piante che hanno prestazioni piú benefice e medicinali e più alto valore energetico.
L’ intenso e forte odore dell’ ortica sarà meno accentuato nei alimenti o nel té se si raccoglie prima della fioritura.


INTERESSANTE
L’ ortica contiene la provitamina A, che è estremamente utile per la problemi di vista notturni.


FINOCCHIO ( lat. Foeniculum vulgare Mill.)
Chiamato pure aneto.
Cresce normalmente nel Mediterraneo sui terreni vicino al mare.
É una pianta di due anni o permanente di aroma gradevole e dolce. Dalle radici ingrossate nel primo anno crescono le foglie, nel secondo anno cresce la pianta fino a due metri di altezza, con foglie e fiori.
Il stelo è rotondo, di colore intenso verde- blu nella parte superiore e ramificata e le foglie sono composte di molte piccole foglie.
Il finocchio appartiene alla famiglia di piante a difesa perché i fiori gialli sono riuniti in fioriture a forma di scudo. Ogni frutto ha un centinaio di semi, ricco di oli essenziali.
I semi sono piccoli, aromatici, piatti e ovali, con una scanalatura gialla e vengono usati come condimento. Cresce spontaneamente lungo le strade e terrenni rocciosi .


IMPORTANTE DA SAPERE
Non utilizzare per cucinare il finocchio che ha fiori su steli perché è un segno che è troppo maturo.
Dopo la breve bollitura il finocchio può essere congelato, ma perde del suo aroma e sapore.

INTERESSANTE
Il finocchio veniva coltivato anche in antichità, era molto rispettato a causa degli effetti medicinali in problemi ai reni e stomaco, e in malattie degli occhi e disturbi della vista. I Romani godevano a mangiare le foglie di finocchio e le radici ei suoi semi usavano nel pane e nelle insalate.
Nel Medioevo si utilizzava per la dispersione degli insetti. Si credeva che faceva paura alle streghe, e perció nella notte di San Giovanni lo apendevano sulle porte d’ entrata. Spesso lo mettevano nel buco della serratura, poiché nessun male entrasse di notte in casa.